Orari di ricevimento : Lunedi'- martedi'- mercoledi'- giovedi'- venerdi'  dalle ore 10,00 alle 13,00

 Pomeriggio : dal Lunedi' al giovedi' dalle ore 16.00 alle 18,30

 

 La consulenza si effettua solo previo appuntamento e muniti di mascherina. 

Per urgenze contattarci tramite mail al seguente indirizzo :

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.m ,  oppure telefonicamente dalle 10,30 alle 12,30 allo 059 236372

 

Per l ' ufficio Caf  contattare il numero  059236372 o  inviare una email :

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

NUOVA SEDE DI SASSUOLO  Via   CIRCONVALLAZIONE Nord Est  , 185  presso Patronato  EPAS   -

Si riceve previo  appuntamento il  Mercoledì  pomeriggio dalle 16,00 alle 18,30 ,telefonando al numero : 059 236372

 

 

La domanda per la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale va presentata al dirigente scolastico entro il 15 marzo di ogni anno.

E’ escluso dalla possibilità di poter presentare la domanda in argomento il personale Ata appartenente al profilo professionale di DSGA.

Il rapporto di lavoro a tempo parziale deve risultare da contratto scritto e deve contenere la durata della prestazione lavorativa. Il tempo parziale può essere realizzato:

  1. con articolazione della prestazione di servizio ridotta in tutti i giorni lavorativi (tempo parziale orizzontale);
  2. con articolazione della prestazione su alcuni giorni della settimana, del mese, o di determinati periodi dell’anno (tempo parziale verticale);
  3. con articolazione della prestazione risultante dalla combinazione delle due modalità indicate alle precedente lettere a) e b) (tempo parziale misto), come previsto dal D.Lvo 25/2/2000, n. 61

 

Le dichiarazioni del Segretario Generale, Elvira Serafini sulla stampa 
 

  La scuola è gia' in trincea da un anno: Snals dice no ad allungare anno scolastico 

(ANSA) - ROMA, 09 FEB - "L'intervento del prof. Draghi, sul mondo della scuola, lascia perplessi. Nell'affermare che l'anno scolastico debba proseguire, prevedendo attività pomeridiane o da svolgersi nel periodo estivo, mostra di dare per scontato che nulla fino ad oggi sia stato fatto, annullando con un colpo di spugna tutto il lavoro di mesi e comunicando alle famiglie e agli alunni la sensazione che quanto finora costruito insieme, non rappresenti nulla, anzi, sia stata una mera perdita di tempo". Lo dice Elvira Serafini, segretaria dello Snals. "Mostra, inoltre, di non avere alcuna considerazione di docenti e operatori della scuola e di non ritenere utile comprendere meglio la difficile e complessa realtà della formazione, prima di fare esternazioni abbastanza discutibili, senza peraltro tener conto del fatto che il periodo estivo non rappresenta un momento di vacanza per i docenti, impegnati in scrutini ed esami. In linea di principio, siamo assolutamente concordi nel ritenere che la scuola sia altro dalla distanza, ma non si può lasciar intendere che finora gli alunni abbiano perso tempo. I docenti, con spirito di sacrifico e quasi pionieristico, hanno creato classi virtuali in cui gli alunni, seppur a distanza, hanno potuto continuare il dialogo educativo", prosegue la dirigente sindacale. "Ma poi basta un'affermazione estemporanea, un giudizio sommario per cancellare mesi di lavoro e dedizione, per dimostrare una volta di più la distanza siderale che esiste tra il mondo della formazione e il mondo delle istituzioni. Una volta di più, ma soprattutto una volta di troppo", conclude Serafini. (ANSA). 2021-02-09 14:27

Prolungamento anno scolastico, i sindacati non ci stanno:
           “Rispettare il lavoro svolto con la Dad, i docenti non si sono fermati”

Da Orizzonte Scuola

Uno dei punti illustrati dal presidente incaricato Mario Draghi, durante le consultazioni, riguarda il prolungamento del calendario scolastico. I sindacati, compatti, non ci stanno: “Con la Dad si è perso tempo?”.
Per l’ex numero uno della Bce, che pone in cima all’agenda la scuola, bisognerà intervenire sul calendario scolastico, con un possibile prolungamento delle lezioni scolastiche oltre i termini previsti, probabilmente fino a luglio.
Dure le reazioni delle Organizzazioni sindacali, compatte nel dire no a questa possibilità.
Snals
“L’intervento del prof. Draghi, sul mondo della scuola, lascia perplessi. Nell’affermare che l’anno scolastico debba proseguire, prevedendo attività pomeridiane o da svolgersi nel periodo estivo, mostra di dare per scontato che nulla fino ad oggi sia stato fatto, annullando con un colpo di spugna tutto il lavoro di mesi e comunicando alle famiglie e agli alunni la sensazione che quanto finora costruito insieme, non rappresenti nulla…anzi, sia stata una mera perdita di tempo”, commenta il segretario generale dello Snals, Elvira Serafini.
“I docenti, con spirito di sacrifico e quasi pionieristico, hanno creato classi virtuali in cui gli alunni, seppur a distanza, hanno potuto continuare il dialogo educativo, hanno sentito di non essere soli, hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con docenti e compagni su quanto stava accadendo, riuscendo così a metabolizzare la difficile realtà che stavano vivendo, percependo di avere ancora delle certezze, quelle che la scuola rappresenta”, aggiunge Serafini.
E conclude: “Ma poi basta un’affermazione estemporanea , un giudizio sommario per cancellare mesi di lavoro e dedizione, per dimostrare una volta di più la distanza siderale che esiste tra il mondo della formazione e il mondo delle istituzioni”.

 

Da lunedì 22 febbraio il personale scolastico ( delle scuole di ogni ordine e grado e dei servizi educativi 0 - 3 anni, degli enti di formazione professionale che erogano i percorsi di istruzione) potrà contattare il proprio medico di medicina generale per prenotare la vaccinazione.

La velocità di prenotazione e vaccinazione dipendera' dalla disponibilità dei vaccini. Tutte le informazioni sono sul sito dell'azienda USL di Modena 

L’intervento del prof. Draghi, sul mondo della scuola, lascia perplessi. Nell’affermare che l’anno scolastico debba proseguire, prevedendo attività pomeridiane o da svolgersi nel periodo estivo, mostra di dare per scontato che nulla fino ad oggi sia stato fatto, annullando con un colpo di spugna tutto il lavoro di mesi e comunicando alle famiglie e agli alunni la sensazione che quanto finora costruito insieme, non rappresenti nulla…anzi, sia stata una mera perdita di tempo.